Zomaro

Home Fiumare Zomaro Murales Il mercato Madonna del Cammino Ricordi Passato Cittanova Oggi

Racchiusa tra le Serre e l' Aspromonte esiste una zona della dorsale appenninica chiamata Zomaro, il suo toponimo è ricco di implicazioni storiche dipendente dalla sua antropizzazione e diverse denominazioni. Nell' antichità due erano i sentieri principali che da Cittanova portavano alla montagna. La "Meda" e la strada del passo del "Mercante", prima che venisse costruita l'attuale strada tracciata in tarda età borbonica, la S.S. 111.

Zomaro si trova ad un altezza di 960 m. ed è caratterrizzato soprattutto da fonti d'acqua. L'acqua bianca, l'acqua di morreale, di parrone di padduni ecc.... e in più in mezzo al bosco un bel laghetto.Come vegetazione domina il faggio, bello da osservarlo soprattutto in autunno per il cambiamento di colore delle sue foglie, è presente anche l'abete bianco, il leccio, l'erica (dalla quale si estrae il ciocco per la fabbricazione di pipe), il corbezzolo e le felci (tra cui la Woodwardia Radicans felce preistorica), il pungitopo ( "rusculara") e l'agrifoglio.

La fauna è costituita dal cinghiale, lo scoiattolo, il gatto selvatico, la ghiandaia, la fassa, il ghiro, il merlo e qualche esemplare di falco.

Storicamente lo Zomaro è conosciuto come la zona in cui Spartaco insieme ai suoi ribelli si scontrò con i Romani guidati dal console Marco Licinio Crasso, a ricordare questa battaglia esistono ancora oggi dei ruderi come "Palazzo" e "Bracatorta"

Ma Zomaro è costituito anche da un piccolo villaggio di case utilizzate per le vacanze estive, al centro del quale si trova una chiesetta con la Madonna della Salute. Intorno ci sono diverse aree pic-nic, il sentiero vita, l'Ostello della Gioventù di recente costruzione.